Red Hook Crit London

William Guzman e Ainara Elbusto Arteaga dominano la corsa e vincono la prima Red Hook Crit di Londra

Migliaia di spettatori si sono presentati a Londra per assistere ad un’emozionante gara di ciclismo ad alta velocità, fuori dall’arena O2 nell’area Greenwich Penysula, in occasione del debutto della Red Hook Crit in UK. Congratulazioni a William Guzman e Ainara Elbusto Arteaga per il primo posto nella finale maschile e femminile. Il circuito di 1,1 km, insidioso e impegnativo, ha richiesto agli atleti diverse caratteristiche, abilità nell’impostazione di curve molto tecniche e molta forza per spingere al massimo sui rettilinei spazzati dal vento.

Nella gara femminile, il first lap prime* è andato alla ciclista britannica locale Jo Smith, che ha preso il comando della gara superando la spagnola Ainara Elbusto Arteaga. Una serie di attacchi sul rettilineo opposto hanno tenuto alto il ritmo, coronato da un potente attacco in prossimità del traguardo sferrato da Kacey Manderfield Lloyd che solo Arteaga è stata in grado di contrastare. Questa azione è il naturale proseguimento della rivalità sportiva tra atlete iniziata a Brooklyn e continuata per tutta la gara di Londra. Nel corso di pochi giri altre quattro cicliste si sono accodate a Lloyd e Arteaga, tra cui Ash Duban, Sammi Runnels, Fleur Faure e Jo Celso. Artega, Runnels, Duban e Lloyd hanno condotto per la maggior parte del tempo, mentre Faure e Celso sono rimaste a ruota, fino agli ultimi 6 giri quando Faure ha iniziato la sua serie di attacchi, che le hanno consentito di aggiudicarsi il Rockstar Games Award for Top Antagonist, in segno di riconoscimento della sua aggressività e determinazione per tutta la gara. La gara si è conclusa con uno scatto sensazionale della Lloyd nei 100m finali, che ha costretto Arteaga ad una prova di forza per un finale di gara emozionante, poiché ha sempre mantenuto la carica di Lloyd ad una ruota di distanza.

Al tramonto del sole una grande folla di spettatori ha continuato ad accalcarsi intorno al circuito aspettando la gara maschile. I primi dieci ciclisti sulla griglia di partenza hanno, in qualifica, segnato tempi racchiusi in un solo secondo di scarto, questo ha lasciato presagire una gara decisamente veloce.

Il vincitore della settima gara di Brooklyn, Thibaud Lhenry, ha guadagnato un vantaggio iniziale, ma sono stati il londinese Alec Briggs e l’italiano Nicholas Varani a lanciarsi nella prima fuga della gara. Sono tornati in campo anche il veterano Mario Paz Duque e l’americano Zac Felpel, e Paz Duque ha dimostrato tutta la sue potenza e conquistato il first lap prime, il suo quarto consecutivo da Barcellona 2014. Questa mossa ha generato al reazione dell’americano Addison Zawada, risalito al comando per rallentare le distanze e neutralizzare la fuga.

La distanza tra la testa e la coda del gruppo è aumentata nella seconda metà della gara, creando un gruppo di 31 ciclisti in testa alla corsa fino al giro finale. I favoriti, tra cui Ivan Ravaoli, Paz Duque, Lhenry, Augusto Reati e i nuovi classificati dall’ottava di Brooklyn William Guzman e Raul Torres Pagaza, tutti gruppo di testa, con le stesse possibilità di vincere la gara.

Alla fine il più veloce è stato Guzman, rimasto in agguato per i precedenti 23 giri, e bravissimo a dare tutto nel fenomenale sprint finale negli ultimi 300 metri conquistando la vittoria.

Nonostante il percorso impegnativo, la gara ha visto tagliare il traguardo da ben 70 atleti, il numero più elevato di qualsiasi altra gara nella storia di RHC. In testa alla classifica maschile la situazione è di pareggio tra William Guzman e Ivan Ravaoli, entrambi a 59 punti. Thibaud Lhenry è balzato al 3 ° posto scalzando Raul Torres Pagaza, che è scivolato al 4° posto. Nella serie femminile, Ainara Elbusto Arteaga continua a condurre con 79 punti, seguita da Kacey Lloyd e Fleur Faure.

La serie continua a Barcellona con la terza tappa del campionato in quattro parti, che si terrà il 5 settembre.

Risultati maschili
1. William Guzman (PR)
2. Mario Paz Duque (CO)
3. Thibaud Lhenry (FR)
4. Ivan Ravaioli (IT)
5. Fabio Scazaratti (IT)
6. Augusto Reati (IT)
7. Daniele Callegarin (IT)
8. Zac Felpel (US)
9. Roberto Barone (IT)
10. Raul Torres Pagaza (MX)

1 ° giro (Breakfast prime): Mario Paz Duque (CO)
A metà strada (Dinner prime): Nicolas Variani (IT)
Giro più veloce: William Guzman (PR)

Rockstar Top Antagonist: Addison Zawada (19 ° posto) (US)

Risultati femminili
1. Ainara Elbusto Arteaga (ES)
2. Kacey Lloyd (Stati Uniti)
3. Ash Duban (US)
4. Sammi Runnels (US)
5. Fleur Faure (FR)
6. Jo Celso (US)
7. Jo Smith (GB)
8. Gretchen Stumhofer (US)
9. Keira McVitty (GB)
10. Stefania Baldi (IT)

1 ° giro (Breakfast prime): Jo Smith (GB)

A metà strada (Dinner prime): Ainara Elbusto Arteaga (ES)
Giro più veloce: Ainara Elbusto Arteaga (ES)
Rockstar Top Antagonist: Fleur Faure (FR)

* Prime: un premio offerto per il primo ciclista che arriva al traguardo di un giro designato. RHC offre un premio al primo giro e uno a metà gara.

comunicato stampa:
Laboratorio Comunicazione
Monica Fecchio
Via Spallanzani 6 - 20129 - Milano
Via Morosini 10 - 21100 - Varese
Tel . 0332 286630- Fax. 0332 233616
Email: mfecchio@labcompr.com

No Comments Yet.

Write a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *