Slyway Projects

Buongiorno, anche oggi abbiamo ricevuto alcune news dai nostri contatti in rete. In particolare ringraziamo Stefano Bonazzoli - Presidente Associazione Propulsione Umana delle segnalazioni di due importantissime attività dedicata alla mobilità e strettamente correlate tra loro. La prima riguarda come detto l’Associazione Propulsione Umana che vi invitiamo a seguire (Libertà & creatività nel trasformare al meglio quindi ottimizzare l’energia prodotta dalla più efficiente macchina termodinamica esistente, il corpo umano). La seconda è l’applicazione di uno dei suoi temi dedicati appunto al settore Human Powered Vehicles.

Conoscete ad esempio le biciclette reclinate? Ora vi racconteremo qualcosa di veramente interessante e questa sarà solo la prima puntata di alcune news che pubblicheremo in collaborazione con l’ Associazione Propulsione Umana & bicinews.net.

Biciclette reclinate: Slyway Projects, l’azienda e la sua storia
Bicinews © Riproduzione Riservata | 7 novembre 2012

Slyway Projects è la prima azienda italiana interamente dedicata al settore Human Powered Vehicles (HPV). In pochi anni Slyway è stata capace di trasformare il panorama nazionale del ciclismo amatoriale, diventando protagonista di una rivoluzione tecnologica, sportiva e culturale.
La sigla HPV definisce un insieme molto ampio e vario di veicoli a pedali per muoversi sulla terra ferma, in acqua ed in aria, e comprende (per la parte terrestre) oltre alle biciclette tradizionali, anche le biciclette reclinate a dueruote (recumbent) o tre ruote (trike), dotate di carenatura parziale o integrale (velomobile) o privi di copertura. L’azienda fondata nel 2005 ha la sua sede principale a Cremona ed un’unità operativa a Bassano del Grappa. Il progetto Slyway prende il via nel 2003, all’interno di Fondazione Patrizio Paoletti per lo Sviluppo e la Comunicazione, ente che opera da diversi anni per il miglioramento della qualità di vita e delle relazioni umane, promuovendo programmi pedagogici, progetti sociali e campagne di sensibilizzazione.
_

La mission

Slyway – afferma Stefano Bonazzoli di Slyway Projects, ripreso nella foto in alto durante una Granfondonasce attorno ad un’idea ben precisa: in ogni uomo esiste un potenziale inespresso che attende solo di essere risvegliato. Ispirati da questa idea, abbiamo iniziato a progettare biciclette speciali, con l’obiettivo di offrire ad ognuno l’opportunità di esprimere se stesso al massimo, in ogni condizione, e per ogni tipo di impiego: tempo libero, cicloturismo, commuting, sport e competizione. Oggi Slyway progetta biciclette reclinate vendute in tutto il mondo, e realizzate al 100% in Italia in serie limitate, con la cura e la qualità garantite dalla lavorazione artigianale. La nostra offerta di veicoli a propulsione umana è completata dalla distribuzione di alcuni tra i migliori marchi internazionali nel settore HPV: trike Kmx, trike Ice, trike Hase, cuscini specifici Ventisit e borse Radical Design”.

Innovazione

“Il mondo dei veicoli a propulsione umana – prosegue Bonazzoli – è caratterizzato dalla totale assenza di limitazioni tecniche. Il superamento delle normative limitanti che costringono la bicicletta da corsa a rimanere sostanzialmente uguale a se stessa da quasi un secolo, ci permette di progettare e costruire veicoli che garantiscono comfort e prestazioni superiori a qualsiasi bicicletta, perché concepiti rispettando l’anatomia del corpo umano e le leggi dell’aerodinamica. Biciclette reclinate e trike sono gli HPV più diffusi a livello internazionale. Questi non sono solamente un modo nuovo, molto confortevole e più performante di pedalare, ma grazie alla posizione ergonomica, rappresentano una straordinaria soluzione per chi desidera svolgere una sana attività fisica anche in presenza di limitazioni motorie o disabilità che impediscono l’uso della bici tradizionale, con evidenti vantaggi nella qualità di vita”.

 

Promozione e ricerca
Il desiderio di promuovere la conoscenza e la diffusione dei veicoli a propulsione umana nel nostro paese, è all’origine della nascita dell’Associazione Propulsione Umana, affiliata alla International Human Powered Vehicles Association. Scopo dell’Associazione è essere il punto di riferimento italiano per i praticanti, gli operatori, le scuole, e le università, diventando il luogo di raccolta e condivisione delle esperienze e del sapere nell’ambito della propulsione umana. Grazie alla collaborazione con le università italiane, l’azienda è anche impegnata in un’intensa attività di ricerca scientifica applicata ai veicoli a propulsione umana.
“Il banco di prova privilegiato per le nostre biciclette reclinate – conclude Stefano Bonazzoli – sono le Granfondo più impegnative e più popolari del calendario nazionale. In queste occasioni abbiamo la possibilità di collaudare i nuovi prototipi, sviluppare nuove idee, e confrontarci con chi condivide la nostra stessa passione. In queste occasioni la nostra presenza non passa mai inosservata, ci troviamo naturalmente al centro dell’attenzione del pubblico, dei media presenti e di tutti i partecipanti, che raramente resistono alla tentazione di rivolgerci alcune domande sulle nostre biciclette: “E’ comoda? … e come va in salita?” Per rispondere alle domande più frequenti sulle biciclette reclinate, e creare un network di operatori competenti sul territorio, il 19 Novembre prossimo daremo il via ad un ciclo di seminari dal titolo “I segreti delle biciclette reclinate” dove affronteremo diversi argomenti: cenni storici, le categorie, i vantaggi, la meccanica, la geometria, la guida e la scelta delle biciclette reclinate”.
_
_
Info e contatti: http: bicinews.net
_
Associazione Propulsione UmanaVia F.Ghinaglia 47 – 26100 Cremona
 

 

No Comments Yet.

Write a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *